Castiello Camini

Fiscalità

detrazione fiscale camini

Detrazioni per risparmio energetico (65%)

Per tutti i Termocamini e 3.1 Castiello è possibile usufruire della detrazione fiscale del 65% per risparmio energetico, da calcolarsi sul costo del prodotto comprensivo di Iva.
L'agevolazione fiscale consiste in una detrazione dall'Irpef o dall'Ires, ripartita in dieci quote annuali di pari importo.

Possono usufruire della detrazione:

le persone fisiche, compresi esercenti arti e professioni, nonché i titolari di diritti reali sull'immobile, gli inquilini e chi detiene l'immobile in comodato;
i contribuenti titolari di redditi d'impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali). La detrazione spetta anche al familiare convivente (coniuge, parenti entro il terzo grado, affini entro il secondo grado) del possessore o detentore dell'immobile, purché sostenga le spese e le fatture e i bonifici risultino intestati a lui. La condizione di convivente o comodatario deve sussistere al momento dell'invio della comunicazione di inizio lavori. Ha diritto alla detrazione anche chi esegue i lavori in proprio, soltanto, però, per le spese di acquisto dei materiali utilizzati.
Per coloro che acquistano un immobile sul quale sono stati effettuati interventi che beneficiano della detrazione, le quote residue del "bonus" si trasferiscono automaticamente.


detrazione fiscale camini termocamini
detrazione fiscale termocamini

Detrazioni per ristrutturazione edilizia (50%)

Per i Camini, Termocamini e 3.1 Castiello è possibile usufruire della detrazione fiscale del 50% per lavori di ristrutturazione edilizia, da calcolarsi sul costo del prodotto comprensivo di Iva. L'agevolazione fiscale consiste in una detrazione dall'Irpef, ripartita in dieci quote annuali di pari importo.

Possono usufruire della detrazione:

le persone fisiche, compresi esercenti arti e professioni, e imprenditori individuali (per gli immobili non strumentali), nonché i titolari di diritti reali sull'immobile, gli inquilini e chi detiene l'immobile in comodato. La detrazione spetta anche al familiare convivente (coniuge, parenti entro il terzo grado, affini entro il secondo grado) del possessore o detentore dell'immobile, purché sostenga le spese e le fatture e i bonifici risultino intestati a lui. La condizione di convivente o comodatario deve sussistere al momento dell'invio della comunicazione di inizio lavori. Ha diritto alla detrazione anche chi esegue i lavori in proprio, soltanto, però, per le spese di acquisto dei materiali utilizzati.
Per coloro che acquistano un immobile sul quale sono stati effettuati interventi che beneficiano della detrazione, le quote residue del "bonus" si trasferiscono automaticamente.


Pagamenti
Per beneficiare delle detrazioni fiscali è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario da cui risultino: causale del versamento, codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento, codice fiscale o partita iva del beneficiario del pagamento.

In seguito alla pubblicazione (nella G.U. n°302 del 27/12/2013) della Legge 27 dicembre 2013 n°147 (Legge di Stabilità 2014), nel caso di interventi di efficienza energetica, queste detrazioni sono prorogate nella misura del 65%, per spese sostenute dal 6/6/2013 al 31 dicembre 2014 e nella misura del 50%, per spese sostenute dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2015.